Monitoraggio della biodiversità in relazione all’applicazione degli standard di condizionalità: 4.2c, 4.6, 4.3 (olivo)

  • Claudia Corti | claudia.corti@unifi.it Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, Italy.
  • Fausto Barbagli Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, Italy.
  • Lara Bassu Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, Italy.
  • Anna Rita Di Cerbo Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, Italy.
  • Pietro Lo Cascio Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, Italy.
  • Neftalì Sillero Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, Italy.
  • Valeria Nulchis Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, Italy.
  • Filippo Ceccolini Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, Italy.
  • Emanuele Paggetti Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, Italy.
  • Antonio Romano Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, Italy.
  • Paolo Bazzoffi CREA-ABP, Centro di Ricerca per l’Agro-Biologia e la Pedologia, Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l'Analisi dell'Economia Agraria, Italy.
  • Marta Biaggini Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, Italy.

Abstract

Nel presente lavoro vengono riportati i risultati relativi ai monitoraggi della diversità faunistica per i seguenti standard: 4.2c, 4.3 (olivo), 4.6. I risultati ottenuti sono nel complesso interessanti sia dal punto di vista metodologico sia per quanto concerne gli aspetti conservazionistici e gestionali. Emerge l’importanza di utilizzare più indicatori o gruppi tassonomici che comprendano taxa ecologicamente e funzionalmente diversi per valutare la “biodiversità”. Relativamente allo sfalcio è stato osservato che una “blanda gestione” dei ritirati dalla produzione può favorire un certo incremento di biodiversità sia per quanto riguarda gli Artropodi, sia per quanto riguarda i Rettili. Risultati concordi sono stati osservati anche negli oliveti dove la gestione della vegetazione al suolo (sfalcio) sembrerebbe incrementare la diversità. Tuttavia è opportuno ricordare che l’effetto monitorato, almeno nei ritirati dalla produzione, non è quello immediatamente successivo all’azione meccanica che invece provoca danni diretti e immediati alla fauna (ferimento e uccisione). Emerge con evidenza dai dati raccolti anche l’importanza della presenza, all’interno degli agro-ecosistemi, di aree a minor disturbo antropico, naturali e semi-naturali: fasce ecotonali e ripariali, ma anche bordure dei campi. Viceversa l’uniformità del paesaggio e la presenza di grandi estensioni coltivate a monocoltura rappresentano elementi sfavorevoli alla biodiversità animale. Nel monitoraggio attraverso l’utilizzo della tecnica di fototrappolaggio è emersa l’importante funzione svolta dai muretti a secco, “presenze” tipiche e diffuse nel paesaggio agricolo tradizionale del nostro territorio italiano. Per molti taxa animali detti manufatti assolvono a funzioni ecologiche diverse, quali: rifugio, aree di foraggiamento, passaggio o sosta nonché punti ottimali per la termoregolazione.

Downloads

Download data is not yet available.
Published
2016-02-19
Statistics
Abstract views: 377

Technical Report: 203
Share it

PlumX Metrics

PlumX Metrics provide insights into the ways people interact with individual pieces of research output (articles, conference proceedings, book chapters, and many more) in the online environment. Examples include, when research is mentioned in the news or is tweeted about. Collectively known as PlumX Metrics, these metrics are divided into five categories to help make sense of the huge amounts of data involved and to enable analysis by comparing like with like.

How to Cite
Corti, C., Barbagli, F., Bassu, L., Di Cerbo, A. R., Lo Cascio, P., Sillero, N., Nulchis, V., Ceccolini, F., Paggetti, E., Romano, A., Bazzoffi, P., & Biaggini, M. (2016). Monitoraggio della biodiversità in relazione all’applicazione degli standard di condizionalità: 4.2c, 4.6, 4.3 (olivo). Italian Journal of Agronomy, 10(1s). https://doi.org/10.4081/ija.2015.749