Effectiveness of the cross-compliance Standard 5.2 'buffer strips' on protecting freshwater against diffuse nitrogen pollution

  • Bruna Gumiero | bruna.gumiero@unibo.it Università di Bologna, Italy.
  • Bruno Boz Biologo libero professionista, Italy.
  • Alessandra Lagomarsino CREA-ABP, Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Italy.
  • Paolo Bazzoffi CREA-ABP, Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Italy.
  • Rosario Napoli CREA-RPS, Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Centro di Ricerca per lo studio delle Relazioni tra Pianta e Suolo, Italy.
  • Francesco Montemurro CREA-SSC, Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Unità di Ricerca per i Sistemi Colturali degli Ambienti Caldo-Aridi, Italy.
  • Lamberto Borrelli CREA-FLC, Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Centro di Ricerca per le Produzioni Foraggere e Lattiero Casearie, Italy.
  • Rosa Francaviglia CREA-RPS, Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Centro di Ricerca per lo studio delle Relazioni tra Pianta e Suolo, Italy.
  • Silvia Carnevale CREA-ABP, Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Italy.
  • Andrea Rocchini CREA-ABP, Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Italy.
  • Alessandro Elio Agnelli CREA-ABP, Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Italy.
  • Angelo Fiore CREA-SSC, Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Unità di Ricerca per i Sistemi Colturali degli Ambienti Caldo-Aridi, Italy.
  • Giovanni Cabassi CREA-FLC, Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Centro di Ricerca per le Produzioni Foraggere e Lattiero Casearie, Italy.
  • Bruno Pennelli CREA-RPS, Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Centro di Ricerca per lo studio delle Relazioni tra Pianta e Suolo, Italy.
  • Giorgio Moretti CREA-ABP, Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Italy.
  • Andrea Gasparini CREA-FLC, Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Centro di Ricerca per le Produzioni Foraggere e Lattiero Casearie, Italy.
  • Giuseppina Pipitone CREA-VIT, Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Centro di Ricerca per la Viticoltura, Italy.
  • Luigi Sansone CREA-VIT, Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Centro di Ricerca per la Viticoltura, Italy.

Abstract

Sette Fasce Tampone, realizzate secondo le indicazioni tecniche contenute nello Standard di condizionalità 5.2, in diversi ambiti e contesti climatici, sono state monitorate per un periodo biennale, al fine di quantificare la loro efficienza nella rimozione di azoto inorganico disciolto. Tale azoto è costituito per lo più da molecole di azoto nitrico che vengono veicolate principalmente tramite deflussi sub-superficiali da zone soggette a diverse pratiche colturali verso i corpi idrici superficiali adiacenti. Ad eccezione di due casi: i siti di Lodi e Metaponto, in tutti i sistemi monitorati è stata confermata la presenza di deflussi trasversali ai sistemi tampone, permanenti o temporanei, in grado di veicolare inquinanti e con portate variabili fra 919 e 8.590 m3/anno per 100 m lineari di FT. Le differenze di portata sono imputabili principalmente alla diversa superficie dei bacini agricoli afferenti ai sistemi tampone, che nei casi analizzati occupano superfici variabili fra il 3,6 ed il 33,3% del bacino agricolo. Sulla base dei bilanci di massa è emerso che dai campi coltivati giungono ai sistemi tampone percentuali variabili fra l’1,6 ed il 29,4% dell’azoto inorganico applicato. Ad eccezione dei sistemi in cui i maggiori deflussi non hanno alcuna interazione con la rizosfera (deflussi profondi) oppure non attraversano la Fascia Tampone, in tutti gli altri siti si registra un effetto di riduzione dell’azoto fra entrata ed uscita, con percentuali variabili fra il 33 ed il 62 %. Percentuali di abbattimento non elevate sono giustificate dallo scarso grado di maturazione dei siti monitorati, in molti casi recentemente convertiti a Fascia Tampone. Ancora una volta si conferma l’estrema eterogeneità delle risposte di questi sistemi ed il ruolo prioritario delle forzanti idrologiche nel determinarne l’efficacia.

Seven buffer strips (BS) adjacent to fresh water bodies, realized according to the technical data contained in the Standard 5.2 of Cross-compliance, located in different areas and climate contexts, were monitored for a period of two years. It was done in order to quantify their effectiveness in removing dissolved inorganic nitrogen conveyed through sub- surface flow from field crops with different cultural practices. Except for two case studies (sites: Lodi and Metaponto) in all monitored systems has been confirmed an outflow, permanent or temporary, through the buffer systems, with flow rates ranging from 919 to 8590 m3y-1 every 100 meters of buffer stip. The differences in flow rate were mainly due to different sizes of agricultural basins related to buffer systems, which in the case studies ranging from 3.6 to 33.3%. Based on the mass balance, was found percentages of applied inorganic nitrogen, flowing from cultivated fields to the buffer systems, varied between 1.6 and 29.4%. In most of the sites was estimated nitrogen reduction between inlet and outlet of BS, with percentages ranging from 33 to 61.9%. The exceptions were the systems with groundwater that: or have no interaction with the rhizosphere (deep flow) or not crossing the buffer zone. Low percentages of removal shall be justified by the young stage of the monitored sites, being in many cases recently converted to buffer strip. This study confirms the extreme variability of these systems efficiency and the key role of hydrology drives its effectiveness.

Downloads

Download data is not yet available.
Published
2016-02-26
Keywords:
Key words, Cross-compliance, rural development, standard 5.2, buffer strips, competitiveness.
Statistics
Abstract views: 907

Article - Italian: 177
Article - English: 164
Technical Report: 221
Share it

PlumX Metrics

PlumX Metrics provide insights into the ways people interact with individual pieces of research output (articles, conference proceedings, book chapters, and many more) in the online environment. Examples include, when research is mentioned in the news or is tweeted about. Collectively known as PlumX Metrics, these metrics are divided into five categories to help make sense of the huge amounts of data involved and to enable analysis by comparing like with like.

How to Cite
Gumiero, B., Boz, B., Lagomarsino, A., Bazzoffi, P., Napoli, R., Montemurro, F., Borrelli, L., Francaviglia, R., Carnevale, S., Rocchini, A., Agnelli, A., Fiore, A., Cabassi, G., Pennelli, B., Moretti, G., Gasparini, A., Pipitone, G., & Sansone, L. (2016). Effectiveness of the cross-compliance Standard 5.2 ’buffer strips’ on protecting freshwater against diffuse nitrogen pollution. Italian Journal of Agronomy, 10(1s). https://doi.org/10.4081/ija.2015.772

Most read articles by the same author(s)